25/03/2012

Ciao Tabucchi

A te che hai amato questo paese e questa città in maniera viscerale e che ci hai fatto conoscere i mondi interiori di Pessoa.
A te che hai descritto la saudade meglio di chiunque altro:

"È proprio per questo che allontanandovi di pochi metri siete venuti in Rua da Saudade. Perchè dall’alto di questa piccola strada lo sguardo abbraccia tutta la città e l’enorme foce del Tago. E poco più avanti l’oceano, e l’infinito orizzonte. [...] Lì da soli, guardando questo panorama davanti a voi, forse vi prenderà una sorta di struggimento. La vostra immaginazione, facendo uno sgambetto al tempo, vi farà pensare che una volta tornati a casa e alle vostre abitudini vi prenderà la nostalgia di un momento privilegiato della vostra vita in cui eravate in una bellissima e solitaria viuzza di Lisbona a guardare un panorama struggente. 
Ecco, il gioco è fatto: state avendo nostalgia del momento che state vivendo in questo momento. È una nostalgia del futuro. Avete sperimentato di persona la saudade."
(Da "Viaggi e altri viaggi", 2010 ed. Feltrinelli)




A te che tramite Pereira, ed uno splendido Mastroianni che di lui s'innamorò, mi hai parlato di Praça da Alegria ben prima che ci alloggiassi per puro caso nella mia prima volta a Lisbona, quando non potevo mai immaginare che un giorno ci sarei tornata per viverci.





Hai visto? Per te oggi Lisbona sfavillava.





15 comments:

  1. Questa mattina, leggendo la notizia, ho proprio pensato a te e alla "vostra" Lisbona.
    Ci pensavo anche in questi giorni mentre giocavo ai dieci film preferiti, perché Sostiene Pereira è bellissimo in entrambe le versioni, e sì, come ho fatto a fare una lista senza Marcello?

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sì, il film onora il libro.
      Bacchettata sulle manine per aver dimenticato Marcello!

      Delete
    2. Devo assolutamente rimediare! Mi vengono in mente tanti film che ho amato con lui, ma nessuno da top ten (per me, ovviamente). Però sto già pensando a due nuove liste: i miei dieci attori e le mie dieci attrici preferite!

      Delete
    3. E poi altre liste, e poi altre ancora...

      Delete
  2. Bellissimo, Elle. Ho scoperto Tabucchi per puro caso, quasi vent'anni fa, durante un viaggio in Spagna quando avevo finito tutti i miei libri da leggere. Entrai alla FNAC e presi quasi a caso Notturno Indiano. Mi ha rapita. Ho poi letto tutti i suoi libri, e anche grazie a lui mi sono innamorata del Portogallo e di Pessoa.
    Scompare un grande scritto italiano, ma Antonio Tabucchi ci lascia una meravigliosa eredita'.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Anche qua è molto amato.
      Io ho conosciuto Pessoa grazie a lui quando andavo all'università.

      Delete
  3. che vergogna, io invece non l'ho mai letto, ma lo metto nella mia lista dei desideri perchè di Lisbona mi sta facendo innamorare il tuo blog e so che ci dovrò andare complice il fatto che almeno ora parliamo portunhol

    ReplyDelete
    Replies
    1. Il libro merita, se lo leggi poi mi darai le tue impressioni.
      Lisbona anche merita :)
      Il portunhol è una lingua interessante di cui vorrei presto parlare!

      Delete
  4. elle, ancora brividi...
    il tuo sì che è un blog!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie Mari, il merito è di Tabucchi che ha saputo dire tante cose così bene. Il mio è *un* blog...

      Delete
    2. il merito è anche tuo che sai scegliere bene :)

      Delete
  5. come sempre mi hai fatto scoprire qualcosa di nuovo. Grazie :)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ma prego, le cose belle vanno condivise!

      Delete
  6. Sai che non ho mai visto il film, pensavo, ero certa che fosse brutto. Ora mi fai convertire.

    ReplyDelete
  7. A me era piaciuto anche il film: si vede troppo che Mastroianni si era innamorato di Pereira.

    ReplyDelete

Dimmi pure.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...