11/06/2012

I tramonti di Alcochete

Metti una volta che raggiungi il quartiere di Oriente (di cui ho parlato qua) ed attraversi il meraviglioso ponte Vasco da Gama che si estende per  più di 17 Km, dove l'estuario del Tejo sembra farsi infinito. 
Arrivi ad Alcochete, nella parte sud del fiume (a margem sul) abbagliato dalla luce del pomeriggio, e vaghi tra le stradine e le casette che sanno di un Portogallo antico. T'imbatti in un paio di statue che ti ricordano che qui nacque re Manuel I di Portogallo, il re dei nuovi mondi: sotto il suo regno, tra l'altro, Vasco da Gama arrivò in India, Cabral in Brasile e furono aperte le vie del commercio sull'Oceano Indiano.
E ti sembra incredibile come certi paesi dove il tempo pare realmente sospeso possano rimandare a storie e vite lontanissime, a epoche di scoperte e di prosperità. M'era già successo a quando ero stata a Belmonte, mi risuccede qua. E' una strana sensazione, come se il qui non fosse compiuto.
Il resto del mondo pare a portata di mano, appena al di là di queste acque.



Il cielo s'è rischiarato nelle ultime ore. Ora è blu, il fiume anche, e per caso giungiamo in una via dove alcuni uomini hanno gettato i loro ami, e aspettano.
Da qui si vedono entrambi i ponti, il 25 Abril è lontanissimo, la prospettiva è nuova e anche noi decidiamo di metterci ad aspettare insieme a quelle lenze.
Con un occhio all'acqua ed uno al tramonto che sta iniziando.



E poi arriva. Il fuoco che inonda tutto, lenze, uomini sui gradini in attesa, occhi, acqua, cielo, respiro.
E' uno dei tramonti più intensi che abbia mai visto, i colori sono davvero incredibili.
Rimaniamo in attesa, in contemplazione.
Le sagome sul molo, le barche, i lampioni, tutto arde.




Ora è buio, l'attesa è finita.
Pensiamo a qualcosa di decisamente più...materiale. Avevamo sentito che da queste parti si mangia bene, e allora volevamo assaggiare qualcosina. Scegliamo un posto a caso e decidiamo di mangiare un po' di polpo. Buonissimo! Completamente diverso dal polpo à lagareiro di Lisbona, condito con un sughetto ed alcuni peperoni e con contorno di (immancabili) patatine novelle e migas, una specie di polpette di pane schiacciate, davvero deliziose.



Questo posto mi ha conquistata. 
Ho nostalgia di posti così. 
Profumati di mare e splendenti di luce, dove sembra quasi che la vita si viva come se potesse essere l'ultimo giorno, con semplicità.





39 comments:

  1. Come mi mancano i panni stesi :( e il polpo! Ne parlavo giusto questo fine settimana, sti americani non sanno cosa si perdono... Foto splendide come sempre

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie Spicy! Ma quindi da quelle parti niente polpo?

      Delete
    2. Niente, a meno che non vai al giapponese, ma quel polpo li non c'ha niente a che fare con quello a cui penso io :( Non vedo l'ora che aprano sto mercato del pesce

      Delete
  2. Che posti meravigliosi!! Mi sono emozionata per tutta quella luce,così calda e così arancione. Splendido!!

    P.s. Il ponte sembrava tantissimo quello che collega Copenhagen a Malmo, sull'Oresund :D

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sì, era proprio da starsene lì ad ammirare.
      Tu sei già stata a Lisbona allora?
      Ho visto il ponte sull'Oresund, la tipologia è la stessa, anche se questo fa una curva molto scenografica. Però, al contrario del ponte 25 Abril (costruito su modello Bay Bridge e che ricorda il GG), stavolta possiamo dire che quello sull'Oresund ricorda il Vasco da Gama, essendo stato completato alcuni anni dopo :D

      Delete
  3. bellissime foto. l'altra settimana sono stata un po' più verso la foce, c'erano un sacco di kitesurf colorati e vecchietti seduti che li osservavano, davvero uno spettacolo.

    ReplyDelete
  4. Le tue foto! Il polpo! E i panni stesi di Spicy (nella lista di cose che più odio degli Usa: gli asciugabiancheria. E la sfiga di dover usare la lavanderia a gettone che mi fa schifo e non avere uno spazio per stendere)!
    Ma io non posso commentare, devo lavorareeee!!!

    ReplyDelete
    Replies
    1. L'unica maniera per resistere alle tentazioni è cedervi, come sai :D

      Delete
    2. Qui l'unica cosa che cede sono le mie finanze!

      Delete
  5. Praticamente dietro casa! :)
    Il tramonto é bellissimo in quel posto; quando cambia l'orario e ritorno a casa che é giá buio mi pesa non vedere il tramonto quando ci passo con l'autobus. In cambio peró anche una notte di luna piena ha il suo fascino da quel posto...
    La bava che scorre puó servire come commento a questo piatto di polpo bellissimo? E quanto mi piacciono le migas!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Mi tocchera' venire a contemplare anche la luna, ché la amo forse ancora più del sole!
      La bava mi ha imbrattato tutto lo schermo! 'nnaggia a te :D

      Delete
  6. Bellissime foto, complimenti.. e quel polipo.....

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie! Il polpo era divino, e ci abbiamo mangiato in due.

      Delete
  7. Mmmmhhh, quel polpo sembra delizioso, slurp! Le foto fantastiche come sempre!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Lo era, ma ho dimenticato il sapore preciso, dovrò rinfrescare la memoria! :)

      Delete
  8. Che bello! Mi hai fatto venir voglia di andarci! A un passo da Lisbona, eppure così "altro mondo"!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sì, e ci fanno anche la corrida (non li ammazzano i tori, qua, ma li prendono letteralmente per le corna!)

      Delete
  9. Cara Elle ,il tuo post è veramente bello e ben scritto,e le foto sono suggestive,vivide...mettono voglia di dipingere!Un abbraccio!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie Rita! Se ti ho infuso un po' di ispirazione sono andata ben oltre il mio scopo di reporter della domenica!
      Un abbraccio.

      Delete
  10. E poi io penso cosa fa la gente lì? Come una domanda, e anche una promessa per me, per il futuro. Che i posti così ti fanno sembrare quella vita semplice, come dici, e anche possibile e desiderabile.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Lo penso anch'io, Riru. E per ora non credo sarei in grado di vivere in un posto così, mi dico che mi piace la città ed essere in mezzo agli "eventi", ma magari è che devo ancora fare un po' di lavoro su di me per poter apprezzare appieno quella vita semplice, non so...Però ne sono attratta, come se fosse una possibilità, sì.
      Hai colpito in pieno :)

      Delete
  11. I miei occhi cominciano a non essere piu' abituati alla struggente bellezza cosi' decadente dell'Europa. Brutto segno. Ma grazie Elle per mantenere alto il ricordo.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Secondo me la struggente decadenza del Portogallo è "troppo" anche per tanti europei, ad esempio l'impatto di Lisbona su alcuni è spiazzante, poi però di solito si ammorbidisce coi giorni.
      Io non ho ancora trovato in Europa un tipo di bellezza simile. Persino il nostro sud non è così omogeneo.
      M'immagino posti simili in Sudamerica.
      Capisco che l'abitudine regali nuovi occhi, però in generale spero che vi sia sempre spazio per un po' di incanto. Lo auguro innanzitutto a me! :)

      Delete
    2. Hai ragione. E' proprio per questo che il Portogallo mi e' cosi' rimasto nel cuore.

      Delete
  12. bellissimo post, non avevo ancora commentato perchè l avevo letto sbirciando sopra la spalla di mia mama l'altra sera...comunque il polpo mi parla dallo schermo!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie Valentina!
      Questo polpo ha mietuto diverse vittime. Tocca venire ad assaggiarlo in diretta!

      Delete
  13. meine gotten il piatto! tu almeno quando vuoi.. puoi! Non c'è bisogno mica della nostalgia..

    ReplyDelete
    Replies
    1. Eheh! Ma i polpi pure là si perdono, o no? :)
      Comunque non c'entra la soddisfazione immediata, la nostalgia è un sentimento che trascende: esiste anche la nostalgia del futuro, o delle cose mai vissute...

      Delete
  14. che spettacolo! le foto poi sono davvero bellissime! Io non mangio il polpo, ma la foto rende :)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ti danno per caso fastidio i tentacoli? Ho riscontrato questa difficoltà in alcune persone.

      Delete
  15. Che bello....
    Non so se mi hai fatto venire piu' fame o piu' voglia di contemplare l'infinito

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sono entrambe sensazioni che vale la pena provare :D

      Delete
  16. Mi piace quando che ci porti con te in queste gite fuori porta!
    Insomma sembra che invece della blue hour voi abbiate la red hour...

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sì sì, come amo le gite fuori porta!

      Delete
  17. Sono un po' incasinata in questo periodo e anche sottotono. Ma non potevo mancare!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie Titti per aver comunque trovato il tempo per passare nonostante tutto!

      Delete
  18. contenta di averti trovata da oggi sarò anche io a leggerti.
    Sto radunado persone che scrivono dell'estero, nel gruppo fb "consigli di viaggio" se hai voglia ti aspettiamo:
    http://www.facebook.com/#!/groups/173716626073967/

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie Giorgia e benvenuta!
      Sono passata a trovarti, e credo di averti già letto qualche volta. Mi unisco ai tuoi lettori fissi anch'io!

      Delete

Dimmi pure.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...