05/08/2012

I diari della Costa Vicentina/2

E così sono tornata in città. 
Quello che ho visto in questi sette giorni è difficile da descrivere, a volte desistevo anche da fare delle foto, perché mi sembrava impossibile cogliere il Tutto. Ad esempio, seguendo un cartello che indicava un negozio di musica e prodotti bio in direzione di una stradina secondaria, una volta siamo arrivati ad una casina spersa nel nulla, davanti al quale un uomo visibilmente non portoghese era ricurvo su alcuni pezzi di legno, intento nel dar forma a qualcosa, che quando ci ha visti ha chiamato qualcuno in tedesco. Dal retrobottega è apparsa una donna radiosa, cha abbiamo scoperto essere originaria di Colonia, e che dieci anni fa insieme al suo uomo decise di lasciare tutto e trasferirsi laggiù, in mezzo al nulla. Per lei quella è la vita vera, diceva di essere rinata dopo aver cambiato aria.
La casa era bellissima, interamente ristrutturata da loro mantenendo per quanto possibile i materiali originali: cotto a terra, porte in legno rosso, travi a vista. In un angolo del soggiorno tenevano esposta la merce: alcune chitarre, che l'uomo ama suonare, e poi tisane, salse, farine, prodotti per il corpo. 
Il mio bottino è stato un sacchetto di farina per preparare i falafel, che adoro, con cui spero di cimentarmi presto.
Quando mi capita d'imbattermi in persone che fanno scelte così radicali, soprattutto se legate al luogo dove si vive, ne sono sempre molto colpita. La faccenda esercita su di me un certo fascino, e in fondo al cuore sento che potrei essere felice anch'io in quel modo, ma poi sovviene una valanga di sovrastrutture del pensiero a ricordarmi che a me piace la città, che sento di dover fare ancora mille cose urbane, e il fascino diventa meno reale. Però...

In questi giorni poi ho visto il colore rosso della terra, l'oceano impetuoso infrangersi sugli scogli, le onde, i surfisti d'ogni parte del mondo girare coi loro furgoncini hippie, uomini di paese sulle loro moto anni '60, porticcioli dimenticati,  ho sentito l'odore della salsedine e delle piante endemiche, tantissime e curiosissime, ho visto la marea abbassarsi fino a ritirare l'acqua di cento metri, per lasciare emergere sentieri e tunnel di scogli da percorrere a piedi per sentirsi un puntino piccolo in mezzo alle rocce ricoperte di milioni di patelle. E non poterne prendere neanche una!

Tutto questo ho visto, e anche di più. 





Casette tutte uguali, bianche coi contorni blu delle finestre e delle porte. Le mie preferite sono quelle con gli infissi rossi. Un cromatismo eccezionale.



Sono tornata carica, anche ispirata culinariamente, e spero di saper cogliere appieno questa bella ispirazione.
Per ora vado a metter su le mafaldine con basilico e pomodorini, il basilico del mio balcone, i pomodorini comprati ieri sera da un contadino simpaticissimo, che, facendoceli assaggiare, ha detto che dopo non avremmo più avuto bisogno di cenare. Pomodorini dolci e succosi, che a Lisbona non si trovano neanche a piangere in turco. Pomodorini veri!

Grazie Alentejo, ormai lo so che ci rivedremo presto.







40 comments:

  1. Che meravigliosa vacanza, sono contenta per te! :-)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie! E, ciliegina sulla torta, ho anche avuto modo di arrivare finalmente a pagina 500 de "Le correzioni", dopo non averlo toccato per mesi. L'ho divorato. Che gran libro! E che gran traduzione (immagino faticosa, anche).
      Sono curiosa di leggerne la fine!

      Delete
    2. Ah, la fine è bellissima. Dopo aver tradotto l'ultima parola ho pianto.

      Delete
  2. Che belle luci e che bei colori.
    Per me anche solo lasciare il proprio paese per un altro è un "cambio radicale" :)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Hai perfettamente ragione, pensa quindi a lasciare la tua città e a trasferirti in un altro paese e in un posto sperduto :)

      Delete
  3. E cosi' la Costa Vicentina fini' nel mio quaderno dei posti da visitare!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Eheh! Mi raccomando però, la parte Alentejana! Purtroppo a partire dall'Algarve le cose cambiano :/ Poi quando ci andrai ti dò qualche dritta! :)

      Delete
  4. Cara Elle,è bellissimo venire a zonzo con te,in questi luoghi!
    Una foto più bella dell'altra... e le tue parole completano l'incanto!
    BRAVA!!!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie Rita, io vi ci porto volentieri!

      Delete
  5. Lascio commento anche se e' impossibile trovare le parole.
    Sono veramente colpito dalla bellezza di questi posti.
    Non sai quanta voglia mi fai venire...

    Forse è meglio il silenzio.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Io cerco di fissare questi momenti anche per quando la memoria mi tradirà!

      Delete
  6. ma che belle foto che ci regali, e' bello viaggiare un po' attraverso sguardi e scatti altrui. Sembra banale dirlo, ma almeno per me che in Portogallo non ci son mai stato, un bel tour sarebbe quasi ora di organizzarlo!

    ReplyDelete
    Replies
    1. sì, anche a me piace viaggiare tramite sguardi altrui, specie se li trovo affini ai miei :)
      Il tour decisamente lo devi organizzare...toccando magari anche queste zone che non sono normalmente battute dal turismo (tedeschi a parte, che comprano case e vi si stabiliscono permanentemente o per le vacanze estive). Ed è un peccato non vederle.

      Delete
  7. Che campo di girasoli meraviglioso! E anche tutto il resto :)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sì, l'unico campo di girasoli dell'Alentejo -e forse di tutto il Portogallo- è lì!!! Mi ha ricordato le terre di Toscana :)

      Delete
  8. la foto della chiesa e la foto del tramonto, più la descrizione dei pomodorini, per me valevano già da soli la vacanza :)
    Aspetto di sentire i risultati dell'ispirazioni culinarie!

    ReplyDelete
    Replies
    1. I pomodoriniiiii...li ho praticamente contati per razionalizzarli il più possibile! :D
      Speriamo di postare presto qualcosa, la mia rubrica "cucinare" sul blog è in silenzio stampa da mesi :/

      Delete
    2. Io ti mando positive vibe per chiudere il silenzio stampa allora :)

      Delete
  9. elle, che spettacolo! tutto, parole e foto.
    non vedo l'ora di tornare a farci un giro!

    ReplyDelete
    Replies
    1. ma ci sei già stata allora? non l'avevo mica capito...
      comunque altamente consigliabile tutto, da Porto Covo fino alla zona di Odeceixe (in particolare le spiagge di Almograve, Malhão, Carvalhal e Odeceixe sono da mozzare il fiato). dopo inizia l'Algarve e cambia parecchio...

      Delete
    2. si, a porto covo! proprio all'inizio...

      Delete
  10. Brava, begli scatti. Anche io come te rimango sognante nel vedere persone che hanno fatto scelte di vita estreme e nel vedere luoghi quasi abbandonati dalla civiltà. Però come te, di nuovo, penso che alla fine non potrei, forse non sono portata, o magari è ancora presto, c'è tanto altro da fare prima. Un viaggio in quei luoghi prima o poi io l'Ing. lo faremo proprio ! Uno di questi giorni posterò sul mio blog alcune foto di un viaggio in Portogallo fatto qualche anno fa ;)
    Dancer

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sì, ecco, anch'io mi dico che è presto.
      Attendo le foto!

      Delete
  11. che belle foto e grazie per essere passata dal mio blog..il portogallo, spero sempre un giorno di visitarlo.
    Ho una collega che ci ha fatto l'erasmus e me parla incantata. Prima o poi, i voli da zurigo pero' costano una fortuna, dovrei chiedere al collega portoghese come trovare biglietti a prezzi decenti!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ciao e grazie anche a te, il tuo blog lo leggo perché racconta Zurigo in modo carino, ed io ho una cara amica che ci vive.
      Tra l'altro ci sono stata recentemente partendo proprio da Lisbona, approfittando di offerte della TAP. Ogni tanto la compagnia portoghese mette a disposizione biglietti a prezzi vantaggiosi, potresti dare un'occhiata sul loro sito!

      Delete
  12. che bel tour, grazie!!!
    senti, una dmanda tecnica...che macchina fotografica usi? la mia digitale e' ormai sul viale del tramonto tecnico, presto dovro' sostuirla e le tue immagini mi paiono sempre di ottima qualita' e non credo siano photoshoppate, giusto?

    ReplyDelete
    Replies
    1. No, niente post editing (anche se la macchina supporta volendo anche il formato raw). La macchina che ho io te la consiglio vivamente, perché è adatta sia a principianti o a chi non ha voglia di perdere tempo ad imparare i settaggi (quindi fa foto in modalità automatica), che a chi ha un po' di manualità e vuole sperimentare un po' magari prima di passare ad una reflex. Senza contare che ha i vantaggi di una compatta, e quindi è leggera e maneggevole. Ha uno zoom ottico da reflex in pratica (14x) e fa anche video in HD. E' la Canon Power Shot SH200: eccola! L'unica differenza con la Power Shot SH230 (uscita poco dopo) è che quest'ultima ha il GPS per segnare la località in cui si è scattata la foto, feature che per me non giustificava i 50 euro di differenza di prezzo. Spero di esserti stata utile, buona scelta!

      Delete
  13. Replies
    1. Grazie Chechi! Sono passata da te, bella Madrid!

      Delete
  14. Allora, dicevamo, io vengo a vivere a Lisbona prossimo anno, deciso. E via! Belle foto Elle! Prendo nota del consiglio sopra per la macchina foto, io sono indecisa se comprare un Iphone -in 24 mesi di schiavitù contrattuale- o acquistare una vera e propria camera.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Non saprei, direi che dipende un po' dagli usi che ne vuoi fare: per quanto posso vedere io l'iphone è più adatto se sei solita condividere le foto sui vari social (senza contare che ti porti dietro un unico aggeggio e risolvi tutto con quello). Le foto vengono fuori anche carine, ma non mi piace il fatto che, usando più o meno tutti lo stesso software (instagram) alla fine si tende all'appiattimento della foto stessa, ossia sembrano tutte uguali, come se scattate dalla stessa persona. Quindi il succo è: dipende :)

      Delete
  15. a che occhi che hai !! come l'hai becata la marylin che occhieggia fra la biancheria ? mi piacerebbe mettermi la foto in lavanderia per dillettarmi (non mi piace stirare...). Se a Victor daranno il passaporto europeo, spero di poter fare un salto lampo a Lisbona, e mi rileggerò in dettaglio tutti i tuoi post in proposito, e cmq ti avviso se riusciamo, così ti offro un caffè ed un pastel de nata :)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Stirare? Brrr, non lo faccio mai, appendo i panni bene e non ne ho bisogno :D
      Speriamo mollino presto il passaporto al piccolo così ci beviamo il cafezinho insieme!! Rigorosamente curto. E ovviamente offro io!!

      Delete
    2. No, offro io !! il piccolo di passaporti ne ha già 2 :), devono mollare quello del papà ma non dico nulla per scaramanzia finchè non avrà baciato la bandiera

      Delete
    3. Ah scusa, ero morta di sonno, ho confuso le persone :P
      Infatti mi pareva strano che il piccolo non avesse ancora il passaporto. Allora in bocca al lupo per il grande!

      Delete
  16. Mi mancavano i tuoi post!
    Finalmente un po di tempo per recuperare gli arretrati! :D
    Comunque mi sono ufficialmente innamorata del Portogallo... tutto merito tuo!! :D
    E che foto meravigliose!!!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ciao Nega, sono contenta di rileggerti nei commenti!
      Grazie, grazie, allora devi venire a coronare questo sogno d'amore!! :D

      Delete
  17. Che voglia di evasione che è sopraggiunta in me vedendo questo spettacolo di immagini e sensazioni :'
    Elle hai trascorso delle bellissime vacanze :)
    L'Alentejo davvero si riconferma terra generosa ed ospitale, come non dirlo!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Davvero, Simo!! Bisogna tornarci insieme :)

      Delete
    2. Simmm com muito prazer :D organizziamoci al più presto!!

      Delete

Dimmi pure.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...