01/07/2013

Cronache provenzali. Io e Marsiglia/I


Marsiglia, mi sei arrivata addosso subito, fin da quando l'aereo è atterrato su quel mare blu dopo aver sorvolato terre dalle forme perfettamente geometriche; sei arrivata col tuo essere sbilenca, quasi a voler riscattare quella perfezione che ti circonda e che non ti rappresenta. Arrivi coi tuoi odori di volta in volta acri, gentili, piccanti, acidi, amari, dolci, per importi prepotentemente e dirmi che ci sei.
L'impatto è violento. Tu non ami le mezze misure.



Geometrie aliene



Ed allora eccomi, sono pronta, vediamo chi si sfinisce per prima.
Sono un osso duro io, sappilo.
Ti prenderò, anche se mi sfuggi, anche se inventi scorciatoie, se diventi impervia e scontrosa, perché io ti ho vista come sei davvero, non puoi nasconderti ormai.


Giochi di specchi



Già ti sento un poco addolcita mente giungo al Vieux Port dove barche silenziose sostano attraccate come in una deriva perenne che consola e culla, eletta a casa da passi stanchi di andare.





E la mattina mi sorridi coi tuoi colori tenui che mi sono andata a cercare da qualche parte, io che instancabilmente affondo le mani nel torbido 
perché è l'unico modo che conosco per portare a galla qualche piccola pietra liscia 
che quando il sole ci batterà
mi accecherò
ma ne sarò felice






Poi camminando per i campi al tramonto di ritorno alla mia stanza troppo spoglia 
raccolgo un mazzolino di lavanda che mi tiene compagnia
aspettando che il suo profumo riempia ogni spazio 
e scacci ogni pensiero.
Solo voglio inebriarmi della sua essenza
immaginando un campo giallo e viola
dove correre col vento nei capelli
e sentirti già lontana 
ruggire nella tua schiuma dorata.








[to be continued...]








37 comments:

  1. bellissimo. io marsiglia la immagino piena di rattoni.e di pirati. e del conte di Montecristo. grazie per aaver contribuito al mio immaginario con un po' di bellezza e poesia.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Tanta e varia umanità, pirati compresi. Alcuni hanno la pelle bruciata dal sole e i capelli neri di pece.
      Altre visioni verranno!

      Delete
  2. Replies
    1. Sono venuta a respirare un po' di Mediterraneo, sai com'è, quell'Atlantico gelato non è un buon luogo dove farsi un bagno.
      E poi son venuta per mangiare la bouillabaisse ;D

      Tornando semiseri, sono ad un workshop, cioè ai lavori forzati.
      Per questa settimana.
      La prossima solo scialo!

      Delete
    2. che bello, io pensavo fosse un ricordo e invece sei proprio a marsiglia, cosi' mi piace anche di piu', quando il tempo e' ancora ora.

      Delete
  3. Replies
    1. Te ne mando un po', il suo colore ti farà felice.

      Delete
  4. PEr me Marsiglia e' Marius et Jeannette!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Oui! Il quartiere/borgo di l'Estaque spero di riuscire a vederlo. E anche il film :)

      Delete
  5. Oh, a me hai fatto venire in mente "luna" di Gianni Togni :
    Luna ti ho vista dappertutto anche in fondo al mare
    ma io lo so che dopo un pò ti stanchi di girare
    restiamo insieme questa notte
    mi hai detto no per troppe volte...Luna!

    ReplyDelete
    Replies
    1. :D
      Libere associazioni di idee, benvenute!

      Delete
  6. vi vedo bene a te e marsiglia.
    il tuo scrivere si legge voracemente come una buona pasta al sugo della nonna.

    un abbraccio dall'estivo nord.

    giulia

    ReplyDelete
  7. quando torni voglio un post culinario alla vecchia maniera di te che elabori la tua boullabaisse!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Uh Vale, che bello, qualcuno che vuole rivedere il "cucinare", sezione ormai caduta nell'oblio!!
      Ma la curiosità mi resta, anche se non pubblico. Ti dico solo che ho già visto che ci va il pastis :)

      Delete
    2. aspetto paziente...sono sicura che quando torni nella tua cucina passano massimo cinque giorni ed elabori!

      Delete
    3. tesoro divertiti, ma dopo tornaaaaa (si è capito che ho paura che non torni?)
      e mi candido come assaggiatrice ufficiale.
      mari

      Delete
    4. Ehi ma son tornata...niente bouillabaisse però, cioè sì, ci proverò magari...ma non l'ho mangiata.
      Però lo so com'è ;)

      E poi col pesce atlantico non so se sarebbe proprio la stessa cosa...

      Delete
  8. Vorrei essere lì a Marsiglia ora
    o dentro una tua foto

    ReplyDelete
    Replies
    1. Io ti ci porto anche nei prossimi post...

      Delete
  9. mi sto perdendo con gli occhi aperti nelle tue parole...
    adorerei Marsiglia e la lavanda, lo so.

    ReplyDelete
  10. Ma dici che vale, se depenno le mete che desidero visitare, dopo averle scoperte, vissute e assaporate attravero te??
    I tuoi sono dei veri e propri "trip"... in tutti i sensi!! ;)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Eh no, non vale!
      Perché ogni posto cambia a seconda degli occhi di chi lo guarda, ne sono certa!
      E poi tu leggi Izzo, ne avrai fatti di trip!! :D

      Delete
  11. Tu sei un'entusiasta di viaggiare. E' bello, ti invidio.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ah sì che sono entusiasta! Viaggiare mi dà sempre qualcosa, e finché ciò accadrà ne sarò sempre felice.

      Delete
  12. Marsiglia è una città che mi incuriosisce perché la immagino bella e maledetta e a me le città con forti contrasti piacciono molto. E le tue foto sono una conferma. Un abbraccio
    p.s. non c'è migliore cura che viaggiare...per tutto!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Qui la considerano la Napoli della Francia.
      Sì, bella e maledetta.

      Ricambio l'abbraccio!

      Delete
  13. Io non mi decido mai ad andarla a visitare, nonostante sia abbastanza vicina, proprio perché ho paura che mi deluda. C'è chi la ama e molti che la odiano. Prima o poi dovrò verificare di persona in che gruppo rientro io. ;-P

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ciao cappuccino e baguette, benvenuta! Dove vivi? In Provenza o Camargue?
      Sì, è una città che ti dice appena la vedi: "mi ami o mi odi?"
      La bellezza qua bisogna andarsela a cercare, se non la si vede subito.
      Quest'anno comunque è la città europea della cultura (insieme a tutta la regione) e ci sono molte iniziative, magari potresti apporfittarne per partecipare a qualche evento!
      Io credo che quartieri come Le Panier e L'Estaque da soli valgano il viaggio (insieme a robe culturali interessanti che devo ancora esplorare e di cui -spero- scriverò).

      Delete
  14. No, niente mezze misure per Marsiglia! Te l'ho detto che per me è un posto speciale... sei poi andata a Cassis?

    ReplyDelete
    Replies
    1. Non ancora, domani vado via da Marsiglia (sigh) e girerò la costa (e non avrò connessione internet).
      Avrei voluto fare un altro post prima di restare senza web per qualche giorno ma non ce l'ho fatta...se ne parlerà al ritorno a Lx!

      Delete
  15. Mi sei mancata...adoro la lavanda.
    Raffaella

    ReplyDelete
    Replies
    1. Anch'io, ma non lo sapevo prima di venire qua, perché quella che avevo annusato altrove era molto diversa da questa. Come il sapone di Marsiglia: lo odiavo, ora mi sembra il profumo del Paradiso :)

      Delete
  16. Con le tue belle foto e le tue bellissime parole mi hai fatto voglia di andare a Marsiglia (che mi ha sempre attratto, beninteso)!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Anch'io era da tempo immemore che ci volevo andare, poi s'è presentata l'occasione giusta!
      Quest'anno poi è insieme a tutta la Provenza capitale europea della cultura, è piena di iniziative, secondo me è da non perdere!

      Delete

Dimmi pure.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...