27/11/2013

Mudança e altri viaggi

Eccomi qua, dopo seimila Km percorsi in aereo, piedi, autobus, treno, auto tra cinque città (Lisbona, Bologna, Orte, Viterbo, Roma) e tanti amici, vecchi e nuovi.
Un viaggio di lavoro in quel di Bologna si trasforma in un'occasione per riabbracciare tante persone che sono parte importante della mia vita.
Vi ringrazio tutti, amici miei, uno per uno.
Ringrazio chi è venuto da lontano anche solo per vedermi poche ore, chi mi ha ospitato felice nella sua casa nel solito quartiere bolognese e mi ha portato a fare colazione al solito bar; chi m'è venuto a prendere dopo il lavoro per farmi conoscere il suo gioiello di un anno e mezzo (col quale siamo diventati subito amici!), chi mi ha reso partecipe delle sue difficoltà e delle sue gioie davanti all'ennesimo ginseng, chi è stato troppo breve ci rifaremo, chi ho abbracciato in carne ed ossa dopo un anno intenso di web; chi mi è venuto a prendere all'ennesima stazione con un vento gelido, chi mi ha fatto una sorpresa (mia madre), chi è sempre mia sorella soprattutto quando ci battibecchiamo.

Un brindisi per mrT, il grande assente

Ritorno a Lisbona la sera tardi, e il giorno dopo trasloco quintali di roba a casa nuova. Una faticaccia per il corpo, ma almeno col cuore pieno.
La prima cena consiste in una piadina con stracchino (ne ho scoperto uno buonissimo ultracremoso che fanno a Sorano) e culatello su un tavolo di fortuna infilato tra le macerie. Un po' di gratifica anche per il corpo.




Stamattina stremata mi sveglio così. L'alba entra prorompente dalle finestre della cucina.
"Mudança". Dal verbo "mudar", che significa anche cambiare.
Rende molto piú di "trasloco", che rimanda a qualcosa di puramente fisico.


Un'altra lunga giornata mi aspetta, eppure questa luce mi dà una forza nuova.








43 comments:

  1. Bentornata, che post pieno di gioia e allegria, ti sei portata in valigia kg di affetto oltre che di stracchino,e' chiaro!
    Pensa che quando ho letto mudanca pensavo fosse una versione portoghese di moondance ;-)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie, ho fatto il pieno sì, in tutti i sensi :)

      Delete
  2. Che bello questo ottimismo, il viaggetto deve averti ricaricata per bene :)

    ReplyDelete
  3. Francesco è riconoscente del tuo affetto. E noi pure! Baci. Bellissima luce. Conservatene tutti i giorni un po'.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sì, questa luce non me la toglierà mai nessuno, ovunque finirò ad osservarne altre!

      Delete
  4. Francesco è riconoscente del tuo affetto. E noi pure! Baci. Bellissima luce. Conservatene tutti i giorni un po'.

    ReplyDelete
  5. Urca, per qualche giorno allora siamo state nella stessa nazione! Ce la faremo, dai, adesso poi voglio vedere la casa nuova! :-)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Persino a poche centinaia di Km di distanza!
      Magari posto qualche foto.

      Delete
  6. Non conoscevo il termine portoghese ma quello spagnolo sì, che è praticamente identico. E Mudanza mi è sempre piaciuto più di trasloco o anche moving, proprio perchè non rimanda solo all'atto del muovere tutte le cose ma proprio al cambiamento, interiore ed esteriore. Che queste "Mudanze" siano un nuovo inizio in tutti i sensi, per entrambe!

    ReplyDelete
  7. Bene! Un viaggio circondata da affetto!
    Li riesci a trovare le piadine? Noi usiamo i wrap con farina bianca ... Quasi uguali alle vere piadine.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Piadina sfogliata romagnola comprata in Italia! Qui non ci sono (esiste un solo posto che le fa e ancora non ci sono andata).
      Il wrap alla fine dovrebbe essere pasta di pane, forse assomiglia sì, ma la piadina sfogliata calda è un'altra cosa (contiene strutto o olio d'oliva ed e' cosi' golosamente sottile...)

      Delete
    2. Eh beh, non è la stessa cosa! Però quelli di farina bianca sono comunque più sottili e fanno le "bolle" come la sfogliata... Ci si arrangia con quel che si ha! ;-)

      Delete
  8. Connettere insieme il passato il presente ed il futuro,durante un momento così particolare come il trasloco,è veramente di buon auspicio!!!
    Ogni casa nuova ha aperto nuovi spazi nella mia vita e contemporaneamente riordinando,conservando oppure(ahimè) eliminando, la casa nuova ha catalizzato nuove armonìe. Con questo augurìo (e la certezza leggendo il post che già ...è un fatto reale)ti abbraccio,cara Elle!

    ReplyDelete
    Replies
    1. È vero, ho connesso tre dimensioni temporali...e non mi sento neanche frastornata.
      Grazie dell'augurio Rita, un abbraccio a te!

      Delete
  9. che bella quella luce! ti sento bene, e ne sono molto felice :)

    ReplyDelete
  10. Che voglia avrei anch'io di riabbracciare gli amici bolognesi! Devo aspettare ancora qualche mese...
    Che sia un inizio pieno di luce cara Elle, ti abbraccio

    ReplyDelete
  11. Lo stracchino! La piadina! Ti odiooooooo :D hai una casa bellissima e romantica, vorrei essere li a godere quella luce! Per il momento ti abbraccio virtualmente.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Perché, il culatello?!

      Eheh, grazie, grazie, vieni a vederla dal vivo!

      Delete
  12. La qualita' della luce che entra in casa e' fondamentale. Fino ad ora non so quanti estate agents ho tormentato con la domanda Which way does this room face?
    Hai mai contato le case in cui hai vissuto? A che numero sei arrivata? L'anno scorso io ho creato un documento Excel contenente tutti gli indirizzi dove ho vissuto. Ho sentito di doverlo fare quando mi sono accorta che ricordavo i nomi di quasi tutte le strade ma non i numeri civici. Forse ha ragione Roberto, soffro di OCD!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Eheh, no, niente file excel nella mia vita, li odio, vivo in un disordine composto...
      Da quando sono nata sono alla casa numero 15, credo; ero pure convinta di averlo scritto nel post.
      Ricordo le strade delle case dove ho vissuto ma non di tutte il numero civico (ci sono case che sento ancora "mie" piú di altre).
      Ci pensavo proprio a Bologna passando in una strada dove avevo abitato...non ricordavo il civico, comunque ci dormo su lo stesso benissimo :D
      La luce è fondamentale, sì, fai bene ad accertartene!

      Delete
    2. Hai ragione, lo avevi scritto. My apologies ma purtroppo non ho commentato immediatamente dopo aver letto il post, bensi dopo un paio di giorni. Io sono arrivata alla numero 18 ma e' pur vero che sono piu' vecchia (hmm, volevo dire saggia... hahaha!) di te!

      Delete
  13. Che questa luce sia di buon auspicio per un nuovo inizio =)
    Un bacio

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie! Spero ne arrivi un po' anche a te.

      Delete
  14. Secondo me la parola "mudança" fa subito pensare a "mutamento", "cambiamento" anche a chi, come me, non conosce il portoghese.
    Che questo possa essere un "cambiamento" ricco di felicita'.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie! Per ora è ricco di fatica :D
      Ma anche di gioia, alla fine! Mi piacciono i nuovi inizi.

      Delete
  15. Come vanno i primi giorni nella casa nuova?
    Io di solito la prima cosa che porto quando faccio un trasloco sono la macchinetta del caffè e una radio. Messe quelle mi sento a casa, il resto poi viene facile...
    Mi hai detto che ne hai fatti tanti di traslochi, ma sono sempre un'emozione.
    Aspettiamo racconti.
    Un abbraccio,
    Chotto

    ReplyDelete
    Replies
    1. Uhm, ora che ci penso io porto sempre TUTTO insieme nei miei traslochi!
      Infatti i primi giorni nelle case nuove sono deliranti.
      Comunque di pacchi chiusi ne restano pochi e siamo al giorno 13. Può andare.
      Per il resto va bene, ci siamo ambientati subito.
      Magari farò e pubblicherò qualche foto esplicativa.
      Grazie Chotto!

      Delete
  16. Mi ero persa il post elle,sapevo peró del trasloco. Bello questo verbo ripulitore di rinascita. In inglese tutto è ridotto allo spostare robe senza sensi profondi. Come andiamo a infissi? Anche io viaggi di lavoro che mi sballano così tanto il cranio che faccio sogni vividissimi e assurdi dove mi amputano una gamba!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Super guarnizioni installate, infissi ora degni di tale nome!
      Ah, i sogni in cui mi massacrano sono miei amici (si fa per dire).

      Delete
  17. Tesoro grazie per il tuo commento nel mio blog "ufficiale" ;-)
    Da oggi allora sarò semplicemente Miky ❤
    Un bacio grande.

    ReplyDelete
  18. quel brindisi era un vero Brindisi..promette grandi belle cose..
    ;)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Era un brindisi per il grande assente Amico degli Amici mrT!

      Delete
  19. mi e' piaciuto molto questo post.
    valescrive

    ReplyDelete
  20. non parlarmi di mudança… abbiamo finito a fine Gennaio quella Mozambico-Italia-Peru e per un po' non volgi sentire più parlare di quel concetto in qualsiasi idioma !!

    ReplyDelete
    Replies
    1. beh, ci credo, la vostra e' stata intercontinentale!
      bentornata!

      Delete

Dimmi pure.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...