23/07/2014

Jacarandás

Mi ritrovo a camminare per la città godendomela come non facevo da tempo. È Giugno e la luce invade strade, viali e vicoli, riflessa sullo specchio del Tejo che brilla laggiù. Scendiamo dalla nostra collina io ed il piccolo S. nel marsupio, rimbalzando da un colore all' altro, indugiando ora in un odore, ora in un suono.
Nel 2013 Lisbona ha ricevuto piú di dieci milioni di turisti, una cifra record, e la tendenza è confermata anche per quest' anno. Nonostante ciò la città mantiene il suo fascino atipico ed underground, un insieme di dettagli di bellezza che è davvero difficile ritrovare altrove.
Lisbona è una città che vive di bellezza. 
Non c'è turismo che stravolga l'animo di questi luoghi, così adagiati nel tempo eppure così sorprendentemente mobili, mai identici a se stessi. Per quanto si pensi di conoscerli sapranno sempre stupire, ad ogni ritorno.




C'è infatti sempre un motivo per tornare a Lisbona. Può essere il richiamo dell'oceano, la voglia di bagnarsi nella luce bianca e in quel blu che avvolgono tutto, o magari un odore che ti cattura per la strada e non te lo levi più di dosso, o il sentimento dell'altrove così presente, dell'Africa, dell'America -sembra quasi di toccare quelle coste solo perdendosi nelle profondità del fiume che sfocia nell' Atlantico...
O ancora una prospettiva vista da un panorama o da una salita, un guizzo di colore in una via o un mosaico di azulejos dalle mille sfumature che ricopre i palazzi; oppure il sentimento di un fermento di persone che vogliono fare bene e meglio che anima i quartieri e li fa essere vivi, e li trasforma.

Può essere il cielo di un quadro pieno di jacarandás, alberi tropicali originari del Brasile che han trovato casa qui, anche loro, e la cui fioritura segna l'inizio dell'estate lisbonese.
I loro fiori durano un mese, poi i rami tornano verdi e quasi dimentichi la bellezza nascosta delle loro gemme; in fondo questi alberi  hanno attecchito bene in questa città perché le somigliano.





Guardo i  jacarandás passeggiando nelle vie viola di fiori a terra e di rami in cielo e rivivo i giorni in cui ce  ne andavamo così, senza meta, ormai nove anni fa, io e mrT, rapiti da angoli nascosti e colorati che rimasero a lungo sensazioni vividissime.

E poi quegli alberi dalle fronde rigogliose di cui ignoravamo il nome.
Mai avremmo immaginato di ritrovarli, anni dopo e ogni anno, puntuali coi ritmi della natura per celebrare ogni volta un mese speciale.






28 comments:

  1. Bella Lisbona.
    Bella davvero. In tutte le sue sfumature.
    Quest'anno sono dieci dalla mia visita. Prima o poi tornerò.

    ReplyDelete
  2. Bellissimi! Sembrano fiori primaverili anziché estivi, come le magnolie che si riempiono di fiori prima che di foglie per annunciare l'inizio della bella stagione :-D

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sì...e durano solo un mese, colorando anche i marciapiedi. La città assume proprio un altro aspetto.

      Delete
    2. Clyo comunque ne sai a pacchi di botanica!

      Delete
  3. Mi ritrovo nel desiderio di rivedere ancora una volta Lisbona e di perdermi lungo le sue strade, e nel tuo stesso sentimento di piacere nella riscoperta della mia città insieme a mio figlio! =)

    P.s.: Questi alberi sono meravigliosi e piacerebbero tantissimo a Tegolina che se ne sta sempre col naso all'insù a osservare le fronde!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Che bello fare la "turista" nella città in cui si vive :)
      Anche S. è interessato agli alberi...chissà che ne pensa!

      Delete
  4. Replies
    1. Spero di riprendere a scrivere più spesso!

      Delete
  5. Prima o poi ce la faro' a vedere Lisbona....i Jacarandas sono bellissimi!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sì...anche se per me il loro odore non è celestiale (per alcuni lo è).

      Delete
  6. Condivido ogni sensazione che hai descritto.

    ReplyDelete
  7. Che bello leggerti! Lisbona la adoro, lo sai.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sì...scommetto che anche tu hai qualche motivo per tornare!

      Delete
  8. Che bello leggerti di nuovo!
    Mio marito non è mai stato a Lisbona...prima o poi lo devo portare!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Devi!
      Spero proprio di tornare spesso sul blog.

      Delete
  9. Bentornata! Grazie a te so come si chiamano questi alberi. Nel mio paese ce ne saranno una ventina. Mi è venuto un tuffo al cuore quando ho letto del tappeto di fiori viola. Sono bellissimi.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie!
      Alberi esotici anche dalle tue parti?

      Delete
    2. Siamo molto vicini all'Africa, e pure mezzo africani :)

      Delete
  10. Bellissimi!! C'e' qualcosa di simile anche qui, chissa' se la stessa famiglia?

    ReplyDelete
    Replies
    1. Quelli rossi o ti riferisci ad altro? comunque non saprei...potremmo chiedere a Clyo :)

      Delete
  11. è un piacere ri-leggerti! io sogno di andare a Lisbona e leggo con tanto piacere i tuoi post! cmq anche Cagliari è una citta ''invasa'' dai jacarandas che qui vengono chiamate confidenzialmente '' le giacarande'' . a presto, Paola

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie!
      allora giacarande anche a Cagliari...anche lì vi fanno i marciapiedi neri? ;)

      Delete
  12. A me Lisbona manca!! E sembra bellissima.... Insommq devo venircj!! Come sta il tuo piccolo? E tu? :*

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ciao, siamo in Italia per ora (vedi nuovo post!)

      Quando vi decidete di approdare a Lisbona fatemi sapere ;)

      Delete
  13. belle le immagini:-)
    Tanti saluti da Plan de Corones, Chiara

    ReplyDelete
  14. Notte di Capodanno è solo la più bella notte in tutto l'universo e aperto necessità di accogliere il nuovo anno sera. organizziamo il nuovo anno sera a Bologna 2016. Nella cornice non comune di Corte Isolani, alcuni tentativi delle due torri, proprio nel scopo di unire di capodanno bologna, passiamo il più fenomenale Capodanno del 2016.

    ReplyDelete

Dimmi pure.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...